“Ho le mani di una ragazzina”

“Ho le mani di una ragazzina” è una delle frasi famose che il pugile Jack La Motta [interpretato da Robert De Niro] pronuncia nel bellissimo film “Toro Scatenato”. Quella frase ironica (le “mani da ragazzina” di La Motta erano ovviamente potentissime – e anche le nostre ragazzine non scherzano) e la bellissima colonna sonora di quel […]

Continua a leggere

Soldi, medaglie e falsari

E’ semplice, è molto semplice. E’ terribilmente semplice. In origine la medaglia sportiva era una MONETA (e di un tipo particolare: non la moneta del salario, ma una moneta votiva – la moneta che non solo paga un lavoro, ma “paga” il “lavoro” molto particolare del sacerdote). E una moneta rappresenta un lavoro che ho […]

Continua a leggere

Aquiloni a Locatelli Beach

Cosa c’entrano con il softball gli aquiloni? Tantissimo! Prima di tutto è il 29 luglio, e un po’ di “aria di spiaggia”, chi resta in città e viene al campo a allenarsi se la merita. Poi: l’aquilone è bello, vola, e a noi le cose belle che volano piacciono. E poi, per usare le parole […]

Continua a leggere

Forza di volontà, New York e le Piramidi

Si chiude testa-a-testa la doppia sfida fra Nova e Saronno, con una partita vinta a testa (11 a 10 per il Softball Nova una partita, 16 a 13 per Saronno l’altra). Giornata di sbalzi di temperatura, di umore e di livello di gioco. Cominciata pigra e pasticciona sotto una pioggerellina fastidiosa, finita con un sorpasso […]

Continua a leggere

Togliere le rotelle alla bicicletta

Caro Diario, oggi ho “tolto le rotelle alla bicicletta” a un’altra annata di giocatrici. Le 2006 di Nova Milanese hanno cominciato a giocare da sole, coprendo tutti i ruoli a cominciare da quello, cruciale e difficile, di lanciatore, proseguendo con quello complementare del catcher, e mettendoci intorno una difesa che per la prima volta non ha l’alibi di […]

Continua a leggere

Non allenare solo la perfezione

Oggi, uno strano allenamento. Lezione di “cinismo” (o sennò come vogliamo chiamarlo? Umiltà? Furbizia? Pazienza?). Siamo una squadra al primo anno della sua categoria. Giocheremo contro avversari due, tre anni più grandi, e spesso più esperti. Stiamo ancora imparando a lanciare, a rubare le basi, a ricevere, a difenderci dalle rubate… E allora? Allora… forse […]

Continua a leggere

Mental coach?

C’è chi fa una carriera sportiva, piglia una o due lauree, fa una carriera professionale in buona parte nell’ambito della ricerca teorica (dopo aver sperimentato robuste dosi della più cruda delle realtà), e va in giro a dire che tutto sommato la parte più difficile del mestiere di allenatore è… alzare palline. Metterle nel punto […]

Continua a leggere

Il bambino diagnosticato – Capitolo 2

Eccone un altro… Sto insegnando a ragazze/i di 9/11 anni uno sport che ha 342 regole, circa 1500 possibili combinazioni tattiche, interamente basato su statistiche e calcolo delle probabilità, e che contiene i due singoli gesti più complessi e non-intuitivi del mondo dello sport (battuta e lancio)… … e le vostre diagnosi mi dicono che […]

Continua a leggere

Prima di aprire il paracadute, verifica di essere abbastanza in alto.

“‘Apri la mente come un paracadute’ ha detto Albert Einstein”… E dagli. Lao Tzu (confuso con Sun Tzi) colpisce ancora. No. Intanto non l’ha detto Einstein, ma James Dewar. Poi, Dewar ha detto “La mente è come un paracadute. Non serve a niente se non sei abbastanza in alto per aprirla”. Non serve a niente […]

Continua a leggere

Usare un attrezzo in modo non abituale

Per sentirci a nostro agio con il guanto… qualche volta non lo usiamo nemmeno, qualche volta lo usiamo chiuso… Vedere un gesto da prospettive diverse per capirlo meglio. I due video sono ripresi a nemmeno 5 minuti di distanza, con gli stessi giocatori.

Continua a leggere