Il bambino diagnosticato – Capitolo 2

Eccone un altro…

Sto insegnando a ragazze/i di 9/11 anni uno sport che ha 342 regole, circa 1500 possibili combinazioni tattiche, interamente basato su statistiche e calcolo delle probabilità, e che contiene i due singoli gesti più complessi e non-intuitivi del mondo dello sport (battuta e lancio)…

… e le vostre diagnosi mi dicono che secondo voi l’80% dei miei giocatori/giocatrici è dislessico e discalculico nonché disprassico, orbo muto e storpio. Certificato!

Delle due l’una:

o quelli che io vedo giocare, assimilare e compiere gesti complessi, valutare in pochi istanti tattiche e decisioni, gestire oggetti e situazioni in movimento imprevedibile, leggere e interpretare il movimento delle cuciture su una pallina di 10 cm di diametro a 12 metri di distanza,

sono tutti dei cloni, degli avatar, degli alias, dei gemelli, dei sosia,
oppure bisogna che qualcuno si fermi un attimo a ragionare sulle responsabilità della metodologia

(un eufemismo per “delirio di onnipotenza della pedagogia clinica”, “fame di soldi degli organizzatori di corsi e convegni” e “dramma sociale di una Scuola poco finanziata, poco considerata, e costretta a standardizzare frettolosamente la propria attività” – salvo poi cercare alibi).

Nessun commento ancora... lascia il tuo commento per primo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: