archivio | Politica Feed RSS per la sezione

Soldi, medaglie e falsari

E’ semplice, è molto semplice. E’ terribilmente semplice. In origine la medaglia sportiva era una MONETA (e di un tipo particolare: non la moneta del salario, ma una moneta votiva – la moneta che non solo paga un lavoro, ma “paga” il “lavoro” molto particolare del sacerdote). E una moneta rappresenta un lavoro che ho […]

Continua a leggere

Prima di aprire il paracadute, verifica di essere abbastanza in alto.

“‘Apri la mente come un paracadute’ ha detto Albert Einstein”… E dagli. Lao Tzu (confuso con Sun Tzi) colpisce ancora. No. Intanto non l’ha detto Einstein, ma James Dewar. Poi, Dewar ha detto “La mente è come un paracadute. Non serve a niente se non sei abbastanza in alto per aprirla”. Non serve a niente […]

Continua a leggere

Camp “softball e giochi da cortile” 2016

Qualche immagine e due commenti alla fine della seconda e ultima settimana del camp “Softball, Baseball e Giochi da Cortile 2016” a Nova Milanese. 38 ragazze e ragazzi in campo e in palestra hanno giocato e lavorato nove ore al giorno per sei giorni alla settimana, hanno saltato intorno agli spruzzatori e hanno giocato partitone […]

Continua a leggere

Se non ci riesci subito… cambia la realtà

Gli Esperti mi dicono che è importante che nello sport ai bambini venga evitata qualsiasi frustrazione, delusione, contrarietà, difficoltà, e non parliamo poi (oddìo) di una sconfitta. Nella foto: il sedicenne Gian-Kevin Contalagiusta posa orgoglioso accanto alla prima buca del Campo Pratica di Quarto Oggiaro, modificata in seguito al ricorso al TAR presentato dalla famiglia dopo […]

Continua a leggere

E se il problema non fosse il calcio “plebeo”?

Ci vorranno DECENNI perché gli insegnanti (di Italiano, matematica, geografia, sostegno, rinforzo, rincalzo, potenziamento ecc. ), cresciuti con l’idea che fare ginnastica fosse “fascista”, lo sport “competitivo, commerciale e violento” [sotto il presupposto che commercio e competizione siano di per sé negativi, ovviamente…], al punto da rendere la Scuola “nemica” dello Sport, poi parzialmente convertiti […]

Continua a leggere

Charlie Brown, il baseball, e il marketing (o marchétting, a seconda dei casi)

Dopo Allevi che dice che “Beethoven non aveva ritmo”,  e Muccino che chiama Pasolini “regista dilettante”, mi mancava solo sentire qualcuno paragonarsi al creatore di Snoopy e Charlie Brown. E’ una questione di numeri. Numeri. Non solo di “dare i numeri” (problema che, palesemente, c’è), cioè di difficoltá concettuale e pratica a correlare le idee con […]

Continua a leggere

Un giornalista intelligente parla di Scuola

Eccellente l’articolo di Galli della Loggia sul Corriere di stamattina [vedi link in calce]. Ineccepibile. La Scuola, dopo la disgregazione della famiglia, il discredito della Chiesa e la professionalizzazione dell’Esercito, dovrebbe essere (e non è) l’ultimo posto dove ancora un Italiano può imparare a rispettare una fila, a non ubbidire ai bulli ma alle regole, […]

Continua a leggere

Onestà e lealtà: non sono la stessa cosa

“Quando un comandante pretende la tua lealtà, dagli la tua onestà. Quando chiede la tua onestà, dagli tutta la tua lealtà”. La frase è comunemente attribuita a John Boyd. Non so se fosse a sua volta una citazione, ma è certo che l’ha messa in pratica per tutta la sua carriera. E ribadisco: è tutto qui. E’. […]

Continua a leggere

Gné Gné Gné: e questa sarebbe promozione dello sport giovanile?

Che pittima! Che piangina! Che due marroni! Questo post circola da giorni, adesso per l’ennesima volta un amico me lo propone sulla bacheca e allora lo commento, caspita! In sintesi: una giocatrice/blogger di basket si lamenta contro le giocatrici di un altro sport femminile (volley), che a suo dire sono “troppo fighette” perché “il loro […]

Continua a leggere

Matteo 7:6

Softball a scuola. Un anno di lavoro. Una selezione di classi delle Medie. Qualità? Risultati? Lasciamoli valutare a altri. Stamattina, vengo chiamato a un incontro con l’Assessore alla Scuola. Incontro non sollecitato, non alleno più in quella zona, è a un’ora di macchina da casa mia. Ci vado, ovviamente (mi guardo allo specchio: “ovviamente, perché […]

Continua a leggere